4.5. Creazione di un canale software

Prima di caricare i pacchetti sul server, sarà possibile creare un canale personalizzato per poterli ospitare. Consultate Capitolo 6, Come caricare e gestire i pacchetti personalizzati per maggiori informazioni. Una volta caricati i pacchetti possono essere riassegnati attraverso il sito web come descritto in Sezione 4.6, «Assegnazione dei pacchetti ai canali software».

Nota

Assicuratevi di non creare canali figlio disponibili per sistemi client che contengono i pacchetti non compatibili con il sistema.
I canali figlio non devono contenere copie di contenuti dei canali rhn-tools o rhel-virtualization poichè i rispettivi pacchetti sono usati per identificare i suddetti canali durante l'auto-sottoscrizione dei sistemi utilizzando l'interfaccia utente web. I pacchetti specifici sono rhncfg (usato per identificare il canale rhn-tools) e libvirt (usato per identificare il canale rhel-vt).
I canali vengono creati sul sito web di Red Hat Network nel modo seguente:
  1. Eseguite un log in sul sito web di Red Hat Network come Amministratore del canale
  2. Sulla barra di navigazione superiore, fate clic sulla tabella Canali e successivamente sul pulsante Gestisci Canali software sulla barra di navigazione di sinistra.
  3. Sulla pagina Gestione canali software, fate clic su crea nuovo canale software nell'angolo in alto sulla destra. Gli amministratori di RHN Satellite Server saranno in grado di visualizzare l'opzione clona canale. Per maggiori informazioni consultate la Sezione 4.7, «Clonazione dei canali software».
  4. Sulla pagina Nuovo canale, definite le informazioni del canale seguendo le istruzioni presenti sulla pagina. Per la maggior parte delle azioni di gestione del canale, il Label del canale viene utilizzato per identificare il canale, per questo motivo selezionare un label più idoneo. Per avere un'idea corretta, visualizzate le informazioni dei canali esistenti.
    L'URL della chiave GPG deve rappresentare la posizione della chiave sul server, come definito durante il processo di configurazione del client. Consultate la Red Hat Network Client Configuration Guide. L'ID della chiave GPG risulta essere l'identificatore unico, come ad esempio "DB42A60E", mentre l'impronta digitale della chiave GPG è simile a "CA20 8686 2BD6 9DFC 65F6 ECC4 2191 80CD DB42 A60E". Da notare che l'ID della chiave è lo stesso dell'ultima coppia dei quartetti all'interno dell'impronta digitale della chiave.
  5. Una volta terminato, fate clic su Crea canale nella parte bassa della pagina.