4.12. Elevata disponibilità e cluster (traduzione automatica)

Nuovi pcscomandi per elencare i dispositivi watchdog disponibili e i dispositivi watchdog di prova

Per configurare SBD con Pacemaker è necessario un dispositivo watchdog funzionante. Questa release supporta il pcs stonith sbd watchdog listcomando per elencare i dispositivi watchdog disponibili sul nodo locale e il pcs stonith sbd watchdog testcomando per testare un dispositivo watchdog. Per informazioni sullo strumento a riga di sbdcomando, vedere la sbd(8) pagina man.

(BZ#1578891)

Il pcscomando supporta ora il filtraggio dei guasti delle risorse in base a un'operazione e al suo intervallo

Pacemaker ora tiene traccia dei guasti delle risorse per ogni operazione di una risorsa, oltre al nome di una risorsa e di un nodo. Il pcs resource failcount showcomando consente ora di filtrare i guasti per risorsa, nodo, operazione e intervallo. Fornisce un'opzione per visualizzare i guasti aggregati per risorsa e nodo o dettagliati per risorsa, nodo, operazione e relativo intervallo. Inoltre, il pcs resource failcount resetcomando consente ora di filtrare i guasti per risorsa, nodo, operazione e intervallo.

(BZ#1591308)

Timestamps abilitati nel corosynclog

In precedenza il corosynclog non conteneva timestamps, il che rendeva difficile collegarlo ai log di altri nodi e demoni. Con questa release, i timestamp sono presenti nel corosynclog.

(BZ#1615420)

Nuovi formati per pcs cluster setup, pcs cluster node adde pcs cluster node removecomandi

In Red Hat Enterprise Linux 8, supporta pcspienamente Corosync 3 knete i nomi dei nodi. I nomi di nodo sono ora necessari e sostituiscono gli indirizzi di nodo nel ruolo di identificatore di nodo. Gli indirizzi di nodo sono ora opzionali.

  • Nel pcs host authcomando, gli indirizzi di nodo predefiniti per i nomi di nodo
  • Nei comandi pcs cluster setupepcs cluster node add, gli indirizzi di nodo sono predefiniti agli indirizzi di nodo specificati nel pcs host authcomando.

Con queste modifiche, sono cambiati i formati dei comandi per impostare un cluster, aggiungere un nodo ad un cluster e rimuovere un nodo da un cluster. Per informazioni su questi nuovi formati di comando, vedere la guida per i pcs cluster node removecomandi pcs cluster setup, pcs cluster node adde i comandi.

(BZ#1158816)

Pacemaker 2.0.0.0.0 in RHEL 8

I pacemakerpacchetti sono stati aggiornati alla versione upstream di Pacemaker 2.0.0.0.0, che fornisce una serie di correzioni e miglioramenti rispetto alla versione precedente:

  • Il log di dettaglio del pacemaker è ora /var/log/pacemaker/pacemaker.logdi default (non direttamente nel log /var/logo in combinazione con il corosynclog sotto /var/log/cluster).
  • I processi del demone Pacemaker sono stati rinominati per rendere più intuitiva la lettura dei log. Ad esempio, pengineè stato rinominato in pacemaker-schedulerd.
  • Il supporto per le proprietà deprecate default-resource-stickinesse is-managed-defaultcluster è stato abbandonato. Le proprietà resource-stickinesse is-manageddovrebbero invece essere impostate nelle impostazioni predefinite delle risorse. Le configurazioni esistenti (anche se non di nuova creazione) con la sintassi deprecata verranno automaticamente aggiornate per utilizzare la sintassi supportata.
  • Un elenco più completo delle modifiche è disponibile sul sito https://access.redhat.com/articles/3681151.

Si raccomanda agli utenti che stanno aggiornando un cluster esistente utilizzando Red Hat Enterprise Linux 7 o precedenti, di girare pcs cluster cib-upgradesu qualsiasi nodo del cluster prima e dopo l'aggiornamento di RHEL su tutti i nodi del cluster.

(BZ#1543494)

Master risorse rinominate in risorse clone promovibili risorse clone

Red Hat Enterprise Linux (RHEL) 8 supporta Pacemaker 2.0, in cui una risorsa master/slave non è più un tipo di risorsa separata ma una risorsa clone standard con un promotablemeta-attributo impostato su true. A sostegno di questo aggiornamento sono state apportate le seguenti modifiche:

  • Non è più possibile creare risorse master con il pcscomando. Invece, è possibile creare risorse di promotableclonazione. Le parole chiave e i comandi correlati sono stati cambiati da mastera promotable.
  • Tutte le risorse master esistenti sono visualizzate come risorse clone promovibili.
  • Quando si gestisce un cluster RHEL7 nell'interfaccia utente Web, le risorse master sono ancora chiamate master, dato che i cluster RHEL7 non supportano i cloni promozionali.

(BZ#1542288)

Nuovi comandi per l'autenticazione dei nodi in un cluster

Red Hat Enterprise Linux (RHEL) 8 incorpora le seguenti modifiche ai comandi usati per autenticare i nodi in un cluster.

  • Il nuovo comando per l'autenticazione è pcs host auth. Questo comando permette agli utenti di specificare nomi di host, indirizzi e pcsdporte.
  • Il pcs cluster authcomando autentica solo i nodi in un cluster locale e non accetta una lista di nodi
  • E' ora possibile specificare un indirizzo per ogni nodo. pcs/pcsd comunicherà con ogni nodo utilizzando l'indirizzo specificato. Questi indirizzi possono essere diversi da quelli corosyncutilizzati internamente.
  • Il pcs pcsd clear-authcomando è stato sostituito dai comandi pcs pcsd deauthepcs host deauth. I nuovi comandi consentono agli utenti di deauthenticare un singolo host e tutti gli host.
  • In precedenza, l'autenticazione dei nodi era bidirezionale e l'esecuzione del pcs cluster authcomando ha fatto sì che tutti i nodi specificati fossero autenticati l'uno contro l'altro. Il pcs host authcomando, tuttavia, fa sì che solo l'host locale sia autenticato rispetto ai nodi specificati. Questo permette un migliore controllo di quale nodo è autenticato rispetto a quali altri nodi quando si esegue questo comando. Nella configurazione del cluster stesso, e anche quando si aggiunge un nodo, pcssincronizza automaticamente i token sul cluster, in modo che tutti i nodi del cluster siano ancora automaticamente autenticati come prima e i nodi del cluster possano comunicare tra loro.

Si noti che queste modifiche non sono compatibili con le versioni precedenti. I nodi che sono stati autenticati su un sistema RHEL 7 dovranno essere autenticati di nuovo.

(BZ#1549535)

I pcscomandi ora supportano la visualizzazione, la pulizia e la sincronizzazione della storia della scherma

Il demone della recinzione del pacemaker traccia la cronologia di tutte le azioni intraprese (in attesa, riuscite e non riuscite). Con questa release, i pcscomandi permettono agli utenti di accedere alla storia della scherma nei seguenti modi:

  • Il pcs statuscomando mostra le azioni di scherma fallite e in sospeso
  • Il pcs status --fullcomando mostra l'intera storia della scherma
  • Il pcs stonith historycomando fornisce opzioni per visualizzare e ripulire la storia della scherma
  • Anche se la storia della scherma è sincronizzata automaticamente, il pcs stonith historycomando ora supporta un'updateopzione che permette all'utente di sincronizzare manualmente la storia della scherma, se necessario

(BZ#1620190, BZ#1615891)