4.11. Sistemi di file e archiviazione (traduzione automatica)

XFS ora supporta estensioni di dati condivisi copy-on-write

Il file system XFS supporta la funzionalità di estensione dei dati condivisa copy-on-write. Questa funzione consente a due o più file di condividere un insieme comune di blocchi di dati. Quando uno dei file che condividono blocchi comuni cambia, XFS interrompe il collegamento ai blocchi comuni e crea un nuovo file. Questa è simile alla funzionalità di copia in scrittura (COW) che si trova in altri file system.

Le estensioni dei dati in copia e scrittura condivisa sono:

Veloce
La creazione di copie condivise non utilizza l'I/O del disco.
Efficiente dal punto di vista dello spazio
I blocchi condivisi non consumano spazio su disco aggiuntivo.
Trasparente
I file che condividono blocchi comuni agiscono come file normali.

Le utilità dello spazio utente possono utilizzare estensioni di dati condivisi copy-on-write per:

  • Clonazione efficiente dei file, come ad esempio con il cp --reflinkcomando
  • Istantanee per file

Questa funzionalità è utilizzata anche da sottosistemi del kernel come Overlayfs e NFS per un funzionamento più efficiente.

Gli estensioni di dati condivisi copy-on-write sono ora abilitati di default quando si crea un file system XFS, a partire dalla versione 4.17.0-2.el8del xfsprogspacchetto .

Si noti che i dispositivi ad accesso diretto (DAX) attualmente non supportano XFS con estensioni di dati condivisi copy-on-write. Per creare un file system XFS senza questa funzione, utilizzare il seguente comando:

# mkfs.xfs -m reflink=0 block-device

Red Hat Enterprise Linux 7 può montare file system XFS con estensioni di dati condivisi copy-on-write solo in modalità di sola lettura.

(BZ#1494028)

La dimensione massima del file system XFS è 1024 TiB

La dimensione massima supportata di un file system XFS è stata aumentata da 500 TiB a 1024 TiB.

I file system con dimensioni maggiori di 500 TiB lo richiedono:

  • la funzione CRC dei metadati e la funzione free inode btree sono entrambe abilitate nel formato file system, e
  • la dimensione del gruppo di assegnazione è di almeno 512 GiB.

In RHEL 8, l'mkfs.xfsutilità crea file system che soddisfano questi requisiti per impostazione predefinita.

Non è supportata la crescita di un file system più piccolo che non soddisfa questi requisiti fino ad una nuova dimensione superiore a 500 TiB.

(BZ#1563617)

VDO supporta ora tutte le architetture

Virtual Data Optimizer (VDO) è ora disponibile su tutte le architetture supportate da RHEL 8.

Per l'elenco delle architetture supportate, vedere Capitolo 2, Architetture (traduzione automatica).

(BZ#1534087)

Il boot manager BOOM semplifica il processo di creazione di voci di boot

BOOM è un boot manager per sistemi Linux che utilizzano boot loader che supportano la specifica BootLoader per la configurazione dell'avvio. Permette una configurazione flessibile dell'avvio e semplifica la creazione di voci di avvio nuove o modificate: ad esempio, per avviare immagini istantanee del sistema create utilizzando LVM.

BOOM non modifica la configurazione del boot loader esistente e inserisce solo voci aggiuntive. La configurazione esistente viene mantenuta e qualsiasi integrazione della distribuzione, come l'installazione del kernel e gli script di aggiornamento, continua a funzionare come prima.

BOOM ha un'interfaccia a riga di comando semplificata (CLI) e API che facilitano il compito di creare voci di avvio.

(BZ#1649582)

LUKS2 è ora il formato predefinito per la cifratura dei volumi

In RHEL 8, il formato LUKS versione 2 (LUKS2) sostituisce il formato legacy LUKS (LUKS1). Il dm-cryptsottosistema e lo cryptsetupstrumento ora utilizza LUKS2 come formato predefinito per i volumi cifrati. LUKS2 fornisce volumi crittografati con ridondanza dei metadati e recupero automatico in caso di evento di corruzione parziale dei metadati.

Grazie alla flessibilità del layout interno, LUKS2 è anche un abilitatore di funzionalità future. Supporta lo sblocco automatico attraverso il generico kernel-keyring token integrato libcryptsetupche permette agli utenti di sbloccare i volumi LUKS2 usando una passphrase memorizzata nel servizio di ritenzione del kernel-keyring.

Altri miglioramenti degni di nota sono:

  • L'impostazione della chiave protetta utilizzando lo schema di cifratura a chiave avvolta.
  • Integrazione più facile con la decrittazione basata sulle politiche (Clevis).
  • Fino a 32 slot per chiavi - LUKS1 fornisce solo 8 slot per chiavi.

Per maggiori dettagli, vedere la pagina cryptsetup(8)e cryptsetup-reencrypt(8)la pagina dell'uomo.

(BZ#1564540)

NVMe/FC è completamente supportato dagli adattatori Broadcom Emulex Fibre Channel Adapters

Il tipo di trasporto NVMe over Fibre Channel (NVMe/FC) è ora pienamente supportato in modalità Initiator se utilizzato con adattatori Broadcom Emulex Fibre Channel 32Gbit.

NVMe over Fibre Channel è un ulteriore tipo di trasporto in tessuto per il protocollo Non Volatile Memory Express (NVMe), in aggiunta al protocollo Remote Direct Memory Access (RDMA) precedentemente introdotto in Red Hat Enterprise Linux.

Per abilitare NVMe/FC nel lpfcdriver, modificare il /etc/modprobe.d/lpfc.conffile e aggiungere la seguente opzione:

lpfc_enable_fc4_type=3

Driver diversi da lpfcquelli che rimangono ancora in Technology Preview.

Ulteriori restrizioni:

  • Multipath non è supportato con NVMe/FC.
  • Il clustering NVMe non è supportato con NVMe/FC.
  • Attualmente, Red Hat Enterprise Linux non supporta l'uso contemporaneo di NVMe/FC e SCSI/FC su una porta iniziatore.
  • Il pacchetto kernel-alt non supporta NVMe/FC.
  • kdump non è supportato con NVMe/FC.
  • L'avvio da Storage Area Network (SAN) NVMe/FC non è supportato.

(BZ#1649497)

Nuova overridessezione del file di configurazione DM Multipath

Il /etc/multipath.conffile include ora una overridessezione che consente di impostare un valore di configurazione per tutti i dispositivi. Questi attributi sono utilizzati da DM Multipath per tutti i dispositivi a meno che non vengano sovrascritti dagli attributi specificati nella multipathssezione del /etc/multipath.conffile per i percorsi che contengono il dispositivo. Questa funzionalità sostituisce il all_devsparametro della devicessezione del file di configurazione, che non è più supportato.

(BZ#1643294)

L'installazione e l'avvio da dispositivi NVDIMM è ora supportato

Prima di questo aggiornamento, i dispositivi Non Volatile Dual Inline Memory Module (NVDIMM) in qualsiasi modalità sono stati ignorati dall'installatore.

Con questo aggiornamento, i miglioramenti del kernel per supportare i dispositivi NVDIMM forniscono migliori prestazioni del sistema e un migliore accesso al file system per applicazioni ad alta intensità di scrittura come database o carichi di lavoro analitico, oltre a ridurre l'overhead della CPU.

Questo aggiornamento introduce il supporto per:

  • L'utilizzo di dispositivi NVDIMM per l'installazione tramite il comando nvdimmKickstart e l'interfaccia grafica, rendendo possibile installare e avviare da dispositivi NVDIMM in modalità settore e riconfigurare i dispositivi NVDIMM in modalità settore durante l'installazione.
  • L'estensione degli Kickstartscript per Anaconda con comandi per la gestione dei dispositivi NVDIMM.
  • La capacità di grub2, efibootmgr, , e componenti di efivarsistema di gestire e avviare da dispositivi NVDIMM.

(BZ#1499442)

Migliorata la rilevazione dei percorsi marginali in DM Multipath

Il multipathdservizio supporta ora una migliore individuazione dei percorsi marginali. Questo aiuta i dispositivi multipath ad evitare percorsi che possono fallire ripetutamente e migliora le prestazioni. I percorsi marginali sono percorsi con errori I/O persistenti ma intermittenti.

Le seguenti opzioni nel comportamento dei percorsi marginali di controllo dei /etc/multipath.conffile:

  • marginal_path_double_failed_time,
  • marginal_path_err_sample_time,
  • marginal_path_err_rate_thresholde
  • marginal_path_err_recheck_gap_time.

DM Multipath disabilita un percorso e lo testa con I/O ripetuti per il tempo di campionamento configurato se:

  • le multipath.confopzioni elencate sono impostate,
  • un percorso fallisce due volte nel tempo configurato, e
  • altri percorsi sono disponibili.

Se il percorso ha un tasso di errore superiore a quello configurato durante questo test, DM Multipath lo ignora per il gap time configurato, e poi lo riprova per vedere se sta funzionando abbastanza bene da poter essere ripristinato.

Per ulteriori informazioni, vedere la pagina dell'multipath.confuomo.

(BZ#1643550)

Comportamento predefinito multi-coda

I dispositivi a blocchi ora utilizzano la programmazione multi-coda in Red Hat Enterprise Linux 8. Ciò consente di scalare bene le prestazioni dello strato a blocchi con unità veloci a stato solido (SSD) e sistemi multi-core.

Il driver SCSI Multiqueue (scsi-mq) è ora abilitato di default, e il kernel si avvia con l'scsi_mod.use_blk_mq=Yopzione. Questo cambiamento è coerente con il kernel Linux a monte.

Device Mapper Multipath (DM Multipath) richiede che il scsi-mqdriver sia attivo.

(BZ#1647612)

Stratis è ora disponibile

Stratis è un nuovo gestore di magazzino locale. Fornisce file system gestiti su pool di storage con funzionalità aggiuntive per l'utente.

Stratis consente di eseguire più facilmente attività di archiviazione come:

  • Gestire le istantanee e il thin provisioning
  • Aumenta automaticamente le dimensioni del file system in base alle necessità
  • Manutenzione dei file system

Per amministrare l'archiviazione di Stratis, utilizzare l'stratisutilità, che comunica con il servizio in stratisdbackground.

Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di Stratis: Managing layered local storage with Stratis.

(JIRA:RHELPLAN-1212)