Red Hat Training

A Red Hat training course is available for Red Hat Enterprise Linux

4.2.3. Nuovo Installer

L'installer di Red Hat Enterprise Linux , Anaconda, è stato modificato in modo da migliorare il processo di installazione di Red Hat Enterprise Linux 7.
L'installer aggiornato presenta:
  • Una nuova interfaccia grafica utente più veloce, flessibile che richiede un numero minore di input da parte dell'utente.
  • Supporto per LVM thin provisioning.
  • Supporto per l'installazione di btrfs. (Da notare che btrfs è una Anteprima di tecnologia in Red Hat Enterprise Linux 7.)
  • Supporto migliorato per la localizzazione.
  • Supporto per dispositivi non partizionati e formattati direttamente.
  • Supporto per le tecnologie di rete teaming e bonding
  • Supporto per una selezione automatica della disposizione corretta per la tastiera, lingua e fuso orario. (Richiede una connessione internet). I valori impostati in base al rilevamento verranno sovrascritti da quelli impostati manualmente.
  • I server NTP promossi da DHCP verranno usati automaticamente.
  • Integrazione Kickstart per il servizio realmd DBus, Active Directory e FreeIPA.
  • Una nuova modalità di testo operativa sui sistemi IBM System z e PowerPC e console seriali. La modalità di testo fornisce un sottoinsieme delle funzioni fornite dall'installer grafico.
Questo nuovo installer presenta alcune modifiche importanti.
  • In precedenza per la configurazione dello storage l'utente doveva essere in possesso di una conoscenza approfondita del sistema di archiviazione. Con Red Hat Enterprise Linux 7, la configurazione dello storage è stata modificata. Ora gli utenti dovranno inserire un livello minimo di informazioni per completare il suddetto processo.
  • Anaconda utilizza ora il parametro inst.repo per impostare la rete e altre posizioni di installazione, e non utilizza più il parametro root.
  • La selezione dettagliata dei pacchetti nell'interfaccia grafica dell'installer è stata sostituita dalla schermata Selezione Software. Software è suddiviso in Ambienti e Componenti aggiuntivi. Gli utenti potranno selezionare un ambiente e un certo numero di componenti aggiuntivi. L'installazione kickstart continua ad avere un controllo completo sui pacchetti selezionati al momento dell'installazione.
Per maggiori informazioni su qualsiasi di queste funzioni consultare la Red Hat Enterprise Linux 7 Installation Guide, disponibile su http://access.redhat.com/site/documentation/Red_Hat_Enterprise_Linux/.

4.2.3.1. Modifiche al parametro d'avvio

4.2.3.1.1. Specifica dei parametri d'avvio
In questa guida le opzioni d'avvio specifiche per l'installer sono prefissate in inst.. Attualmente questo prefisso è facoltativo con Red Hat Enterprise Linux 7: resolution=1024x768 funziona in modo simile a inst.resolution=1024x768. Tuttavia nelle release future il suddetto prefisso diventerà obbligatorio e i parametri non-prefissati saranno deprecati.
4.2.3.1.2. Modifiche ai parametri d'avvio
Il nuovo installer utilizza dracut per configurare i dischi e il networking. Come risultato alcuni parametri d'avvio della linea di comando del kernel sono stati modificati tra Red Hat Enterprise Linux 6 e Red Hat Enterprise Linux 7.
4.2.3.1.2.1. Nuovi parametri
inst.stage2
Specifica la posizione dell'immagine di runtime del programma di installazione da caricare. La sintassi è la stessa del parametro inst.repo. Questa opzione ignora tutto tranne l'immagine; essa non può essere usata per specificare la posizione dei pacchetti.
inst.dd
Aggiorna un pacchetto del driver con il pacchetto presente nella posizione specificata. Questa opzione può essere usata diverse volte. La sintassi della posizione è la stessa della sintassi del parametro inst.repo.
inst.geoloc
Configura l'uso della geolirevazione nell'installer per l'impostazione della lingua e fuso orario. Il valore predefinito è provider_fedora_geoip. I valori validi per questo parametro includono.

Tabella 4.1. Valori di georilevazione

Valore
Effetto
0
Disabilita la georilevazione.
provider_fedora_geoip
Utilizza Fedora GeoIP API.
provider_hostip
Utilizza Hostip.info GeoIP API.
inst.usefbx
Specifica che il driver frame buffer X deve essere usato al posto di un driver specifico all'hardware. Questa opzione è equivalente a inst.xdriver=fbdev.
bootdev
Specifica l'interfaccia d'avvio. Questa opzione è obbligatoria se ip è stato specificato più di una volta.
inst.multilib
Configura il sistema per i pacchetti multilib, per esempio, per installare pacchetti 32-bit su un sistema 64-bit.
gpt
Installa le informazioni sulla partizione in una GUID Partition Table (GPT) al posto del Master Boot Record (MBR).
inst.virtiolog
Specifica una porta virtio da usare per inviare i messaggi registrati. Il valore predefinito è org.fedoraproject.anaconda.log.0. Questa verrà utilizzata se presente.
rd.dasd
Accetta un identificatore bus del dispositivo per l'adattatore Direct Access Storage Device (DASD), e facoltativamente, una coppia valore e parametro sysfs separata da virgole. Attiva il DASD con l'ID del bus del dispositivo specificato, e imposta i parametri sysfs indicati sui valori specificati. Per esempio rd.dasd=adaptor_id,readonly=0. Questo parametro può essere specificato svariate volte per attivare i DASD.
rd.zfcp
Accetta l'identificatore bus del dispositivo per l'adattatore SCSI over FCP (zFCP), un world wide port name (WWPN) e un FCP LUN. Attiva il dispositivo zFCP con l'identificatore bus del dispositivo specificato, il nome della porta e il LUN. Questo parametro può essere specificato più volte per attivare dispositivi zFCP multipli.
rd.zfcp=0.0.4000,0x5005076300C213e9,0x5022000000000000
rd.znet
Accetta un tipo di protocollo di rete, un elenco delimitato da virgola di canali secondari, e facoltativamente, una coppia parametro e valore sysfs separato da una virgola. Attiva il driver del dispositivo di rete System z per il protocollo specificato, imposta i canali specifici insieme ai parametri. Può essere specificato più volte per attivare dispositivi di rete multipli.
rd.znet=qeth,0.0.0600,0.0.0601,0.0.0602,layer2=1,portname=foo
rd.znet=ctc,0.0.0600,0.0.0601,protocol=bar
4.2.3.1.2.2. Parametri modificati
inst.ks.sendmac
In precedenza conosciuto come kssendmac. Aggiunge le intestazioni alle richieste HTTP in uscita, incluso gli indirizzi MAC di tutte le interfacce di rete. Utile quando si utilziza inst.ks=http con i sistemi.
nameserver
In precedenza dns. Specifica l'indirizzo del server dei nomi. Questa opzione può essere usata più volte.
4.2.3.1.2.3. Parametri deprecati
Le opzioni presenti in questo elenco sono deprecate. Esse sono ancora funzionali anche se sono presenti altre opzioni in grado di offrire le stesse funzioni. Non è consigliato l'uso di opzioni deprecate poichè esse verranno rimosse nelle versioni future.
updates
Specificava la posizione degli aggiornamenti per il programma di installazione. Usare al suo posto l'opzione inst.updates.
method
Usata per configurare il metodo di installazione. Usare al suo posto inst.repo=.
repo
Usata nelle installazioni NFS per indicare che il target era una immagine ISO posizionata sul server NFS al posto di un albero installabile. La differenza viene rilevata automaticamente e rende questa opzione simile a inst.repo=nfs:server:/path.
dns
Configurava il Domain Name Server (DNS). Usare al suo posto nameserver=.
netmask, gateway, hostname, ip, ipv6
Queste opzioni sono state consolidate nella opzione ip.
ip=bootif
Usata per specificare l'opzione BOOTIF durante l'installazione da un server PXE. Ora viene rilevata automaticamente.
ksdevice
Usata per configurare il dispositivo di rete da usare durante l'installazione kickstart. Diversi valori per questa opzione sono stati sostituiti come riportato dalla seguente tabella.

Tabella 4.2. Valori parametro di kickstart

Valore
Comportamento corrente
Non presente
Cerca di attivare tutti i dispositivi con DHCP, a meno che non siano stati specificati una configurazione e un dispositivo con le opzioni ip o BOOTIF.
ksdevice=link
Ignored (uguale al comportamento predefinito)
ksdevice=bootif
Ignored (viene utilizzato BOOTIF come predefinito se specificato).
ksdevice=ibft
Sostituito con l'opzione ip=ibft di dracut.
ksdevice=MAC
Sostituito con BOOTIF=MAC.
ksdevice=device
Sostituito con le specifiche del dispositivo nell'opzione dracut ip.
blacklist
Usato per disabilitare i driver specificati. Ora gestito dall'opzione rd.driver.blacklist di dracut con la seguente sintassi:
rd.driver.blacklist=mod1,mod2,...
nofirewire
Supporto disabilitato per l'interfaccia FireWire. È possibile disabilitare il driver FireWire (firewire_ohci) usando l'opzione rd.driver.blacklist:
rd.driver.blacklist=firewire_ohci
4.2.3.1.2.4. Parametri rimossi
Le seguenti opzioni sono state rimosse. Queste opzioni erano presenti nelle versioni precedenti di Red Hat Enterprise Linux e non possono essere più utilizzate.
serial
Questa opzione forzava anaconda all'uso della console /dev/ttyS0 come output. Usare il parametro console per specificare /dev/ttyS0 (o simile).
essid, wepkey, wpakey
Accesso di rete wireless configurato. La configurazione della rete viene ora gestita da dracut, il quale non supporta il networking wireless e rende queste opzioni inutili.
ethtool
Usato in passato per configurare impostazioni di rete di livello inferiore aggiuntive. Tutte le impostazioni di rete sono ora gestite dall'opzione ip.
gdb
Permetteva all'utente di eseguire il debug del loader, Usare al suo posto rd.debug.
inst.mediacheck
Usata per verificare il dispositivo di installazione prima di iniziare l'installazione. Sostituito con l'opzione rd.live.check.
ks=floppy
Usata per specificare un dischetto floppy come sorgente del file kickstart. Le unità floppy non sono più supportate come unità d'avvio.
display
Usata per configurare un display remoto. Sostituita con l'opzione inst.vnc.
utf8
Questa opzione aggiungeva un supporto UTF8 quando si eseguiva una installazione in modalità di testo. Ora il supporto UTF8 funziona automaticamente.
noipv6
Disabilitava il supporto IPv6 nel programma di installazione. IPv6 è ora interno al kernel e non è più possibile inserire nella blacklist il driver; tuttavia è possibile disabilitare IPv6 utilizzando ipv6.disable di dracut.
upgradeany
In Red Hat Enterprise Linux 7 gli aggiornamenti sono stati modificati. Per maggiori informazioni consultare Capitolo 3, Strumenti per l'aggiornamento o la Red Hat Enterprise Linux 7 Installation Guide disponibile su http://access.redhat.com/site/documentation/Red_Hat_Enterprise_Linux/.
vlanid
Usata per configurare il dispositivo VLAN. Ora sostituita con l'opzione di dracut, vlan.