Red Hat Training

A Red Hat training course is available for Red Hat Enterprise Linux

Capitolo 8. Installazione e avvio

È possibile correggere l'impostazione di rete in initrd se si fornisce una configurazione di rete in Kickstart

In precedenza l'installer non era in grado d'impostare o riconfigurare le interfacce di rete in initrd se le suddette interfacce erano definite nei file kickstart. Ciò poteva causare il fallimento dell'installazione e l'introduzione di una modalità di emergenza, se l'accesso alla rete era richiesto da altri comandi nel file Kickstart.
Ora questo problema è stato risolto, Anaconda è in grado di gestire correttamente la configurazione di rete dai file Kickstart in initrd nelle fasi iniziali del processo d'avvio.

Anaconda ora supporta la creazione dei volumi logici in cache

L'installer supporta ora la creazione dei volumi logici LVM in cache e l'installazione del sistema sui volumi.
Attualmente questo approccio è supportato solo con Kickstart. Per creare un volume logico in cache usare le nuove opzioni --cachepvs=, --cachesize= e --cachemode= del comando logvol di Kickstart.
Per informazioni dettagliate su queste nuove opzioni consultare la Red Hat Enterprise Linux 7 Installation Guide.

Elenco del menu d'avvio di GRUB migliorato

In precedenze un problema relativo al dispositivo di selezione usato dal comando grub2-mkconfig, poteva causare la generazione del file di configurazione grub.cfg con i kernel disponibili ordinati in modo incorretto.
GRUB2 ora utilizza il pacchetto rpmdevtools per ordinare i kernel disponibili, ora il file di configurazione viene generato correttamente con la versione del kernel più recente elencato nella parte più alta.

Anaconda ripristina ora correttamente le azioni del disco al variare della selezione del disco stesso

In precedenza Anaconda e Blivet non ripristinavano correttamente le azioni programmate sul disco al variare della selezione del disco stesso, causando vari tipi di problemi. Con questo aggiornamento Anaconda è stato corretto, ora è possibile avere una istantanea della configurazioen dello storage originale, utilizzabile al variare della selezione del disco ripristinando così tutte le azioni programmate.

Rilevamento migliorato dei nomi per il device-mapper

Nella versione precedente di Red Hat Enterprise Linux 7 l'installer si arrestava inaspettatamente durante il processo d'installazione sui dischi contenenti volumi logici LVM, e i metadati per questi volumi erano ancora presenti. L'installer non era in grado di riconoscere i nomi del device-mapper corretti e il processo di creazione di nuovi volumi logici LVM falliva.
Il metodo usato per ottenere i nomi del device-mapper è stato aggiornato. L'installazione sui dischi contenenti metadati LVM esistenti ora è più affidabile.

Corretto il processo di gestione di PReP Boot durante il partizionamento

Su sistemi IBM Power in alcune circostanze la partizione PReP Boot poteva essere impostata su una dimensione non valida durante il partizionamento personalizzato. In questa condizione, e se si rimuoveva qualsiasi partizione, l'installer si arrestava inaspettatamente.
Ora vengono implementati alcuni controlli in anaconda per assicurare che la partizione abbia sempre una dimensione corretta, la gamma accettata è tra 4096 KiB e 10 MiB. Non è altresì più necessario modificare il formanto della partizione PReP Boot per modificare la dimensione.

Partizioni EFI su dispositivi RAID1

Le partizioni EFI possono ora essere create su dispositivi RAID1, ciò permette di eseguire il ripristino del sistema se un disco d'avvio fallisce. Tuttavia se Boot#### o BootOrder, e il volume di ESP scoperto dal firmware, risultano essere corrotti ma continuano a ad essere riportati come ESP validi, l'ordine d'avvio non verrà compilato automaticamente. In queste situazioni sarà possibile avviare manualmente il sistema utilizzando il secondo disco.

L'installazione in modalità testo non si arresta più inaspettatamente durante la configurazione di rete

In precedenza nella schermata di Configurazione di rete con l'installer in modalità di testo interattiva, l'uso dello spazio durante l'inserimento dei server dei nomi causava un arresto inaspettato dell'installer.
Anaconda ora gestisce correttamente gli spazi presenti nelle definizioni del server dei nomi in modalità testo, e l'installer non si arresterà più inaspettatamente se lo spazio viene usato per separare gli indirizzi.

Le schermate della modalità di ripristino su IBM System z, sono ora visualizzate corettamente

In precedenza, la seconda e terza schermata in modalità di ripristino sui server IBM System z venivano visualizzate incorrettamente poichè parte della schermata era incompleta. La modalità di ripristino su questa architettura è stata migliorata, ora tutte le schermate vengono visualizzate correttamente.

Componente aggiuntivo OpenSCAP in Anaconda

È ora possibile applicare il contenuto Security Content Automation Protocol (SCAP) durante il processo d'installazione. Questo nuovo componente rende disponibile un metodo semplice e affidabile per configurare una politica di sicurezza, senza dover utilizzare gli script personalizzati.
Questo componente fornisce una nuova sezione di kickstart ("%addon org_fedora_oscap") e una nuova schermata nell'interfaccia utente grafica durante una installazione interattiva. Esse sono documentate nella Red Hat Enterprise Linux 7 Installation Guide.
L'uso di una politica di sicurezza durante l'installazione comporterà l'esecuzione di alcune modifiche durante e immediatamente dopo l'installazione a seconda della politica abilitata. Selezionando un profilo verrà aggiunto il pacchetto openscap-scanner (uno strumento d'analisi della conformità di OpenSCAP) alla selezione dei pacchetti, e verrà eseguita una scansione iniziale dopo l'installazione. I risultati di questa scansione saranno archiviati in /root/openscap_data.
Tramite il pacchetto scap-security-guide saranno resi disponibili sul supporto d'installazione diversi profili. Se necessario, sarà possibile caricare altri contenuti come flusso dati, archivio o pacchetto RPM da un server HTTP, HTTPS o FTP.
Ricordiamo che la politica di sicurezza non viene necessariamente applicata su tutti i sistemi. Usare questo componente solo quando una politica specifica deve essere implementata a causa di direttive governative o aziendali, in caso contrario lasciare il componente aggiuntivo con uno stato predefinito, così facendo non verrà implementata alcuna politica.

Non si verifica più il time out di Anconda durante l'attesa per un file Kickstart su un CD o DVD

Se in passato Anaconda veniva configurato per caricare un file kickstart da un supporto ottico usando il comando inst.ks=cdrom:/ks.cfg, e se il sistema veniva avviato da un CD o DVD, l'installer attendeva per un breve periodo di tempo fino a quando l'utente non cambiava disco. Per impostazione predefinita questo periodo era molto breve - solo 30 secondi. Dopo il suddetto periodo veniva utilizzata la modalità di ripristino.
Ora Anaconda è stato modificato, durante il periodo d'attesa entro il quale l'utente doveva fornire un file Kickstart su un CD o DVD, Anaconda non icorrerà più in un time out. Se vengono utilizzate le opzioni d'avvio inst.ks=cdrom, e il file Kickstart non è stato rilevato, Anaconda mostrerà un prompt e attenderà fino a quando l'utente non sarà in grado di fornire un file o eseguirà un riavvio.