Capitolo 7. Virtualizzazione

Aumentato il numero massimo di vCPU in KVM

Il numero massimo di virtual CPU (vCPU) supportate in un guest KVM è stato aumentato a 240. Questa impostazione aumenta la quantità di unità di processazione virtuali che un utente è in grado di assegnare al guest. Così facendo è possibile aumentare le prestazioni.

Supporto 5th Generation Intel Core New Instructions in QEMU, KVM e libvirt API

In Red Hat Enterprise Linux 7.1 è stato aggiunto il supporto per i processori 5th Generation Intel Core all'hypervisor QEMU, KVM kernel code e libvirt API. Ciò permette ai guest KVM di usare le seguenti istruzioni e funzionalità: ADCX, ADOX, RDSFEED, PREFETCHW e supervisor mode access prevention (SMAP).

Supporto USB 3.0 per guest KVM

Red Hat Enterprise Linux 7.1 introduce un supporto USB migliorato attraverso l'emulazione USB 3.0 hostadapter (xHCI) come Anteprima di tecnologia.

Compressione per il comando dump-guest-memory

Con Red Hat Enterprise Linux 7.1 il comando dump-guest-memory supporta ora la compressione crash dump. Questa impostazione permette agli utenti non in grado di utilizzare virsh dump, di usare una quantità minore di spazio del disco fisso per operazioni crash dump del guest. Altresì, la memorizzazione di un crash dump compresso del guest richiderà una quantità di tempo minore rispetto alla stessa operazione con un crash dump non compresso.

Open Virtual Machine Firmware

L'Open Virtual Machine Firmware (OVMF) è disponibile come Anteprima di tecnologia in Red Hat Enterprise Linux 7.1. OVMF è un ambiente per l'avvio sicuro UEFI per guest AMD64 e Intel 64.

Migliorate le prestazioni di rete su Hyper-V

Sono ora supportate nuove funzionalità del driver di rete Hyper-V per il miglioramento delle prestazioni di rete. Per esempio, Receive-Side Scaling, Large Send Offload, Scatter/Gather I/O sono ora supportati; è stato altresì aumentato il throughput della rete.

hypervfcopyd in hyperv-daemons

Il demone hypervfcopyd è stato aggiunto ai pacchetti hyperv-daemons. hypervfcopyd è una implementazione della funzionalità del servizio di copiatura del file per i guest di Linux eseguiti su host Hyper-V 2012 R2. Ora un host sarà in grado di copiare un file (attraverso VMBUS) nel guest di Linux.

Nuove funzioni in libguestfs

Red Hat Enterprise Linux 7.1 introduce un certo numero di nuove funzioni in libguestfs, un insieme di strumenti per l'accesso e la modifica delle immagini del disco di una macchina virtuale.
Nuovi strumenti
  • virt-builder — un nuovo strumento per la compilazione delle immagini della macchina virtuale. Usare virt-builder per una creazione veloce e sicura di guest, e per la loro personalizzazione.
  • virt-customize — un nuovo strumento per la personalizzaizone delle immagini del disco della macchina virtuale. Usare virt-customize per installare pacchetti, modificare i file di configurazione eseguire gli script e impostare le password.
  • virt-diff — un nuovo strumento per mostrare le differenze tra i file system di due macchine virtuali. Usare virt-diff per sapere quali sono i file modificati nelle istantanee.
  • virt-log — un nuovo strumento per elencare i file di log dei guest. virt-log supporta una varietà di guest inclusi quelli tradizionali di Linux, Linux con journal e log di eventi di Windows.
  • virt-v2v — un nuovo strumento per la conversione dei guest da un hypervisor esterno per l'esecuzione su KVM, gestito da libvirt, OpenStack, oVirt, Red Hat Enterprise Virtualization (RHEV) e altri target. Attualmente virt-v2v è in grado di convertire guest Red Hat Enterprise Linux e Windows in esecuzione su Xen e VMware ESX.

Flight Recorder Tracing

Support for flight recorder tracing has been introduced in Red Hat Enterprise Linux 7.1. Flight recorder tracing uses SystemTap to automatically capture qemu-kvm data as long as the guest machine is running. This provides an additional avenue for investigating qemu-kvm problems, more flexible than qemu-kvm core dumps.
Per informazioni dettagliate su come configurare e utilizzare il flight recorder tracing consultare la Virtualization Deployment and Administration Guide.

RDMA-based Migration of Live Guests

The support for Remote Direct Memory Access (RDMA)-based migration has been added to libvirt. As a result, it is now possible to use the new rdma:// migration URI to request migration over RDMA, which allows for significantly shorter live migration of large guests. Note that prior to using RDMA-based migration, RDMA has to be configured and libvirt has to be set up to use it.