Capitolo 3. Installazione e avvio

3.1. Programma di installazione

L'installer di Red Hat Enterprise Linux, Anaconda, è stato aggiornato e ora è possibile avere un miglior processo d'installazione per Red Hat Enterprise Linux 7.1.

Interfaccia

  • L'interfaccia grafica dell'installer ora presenta una schermata aggiuntiva che permette di configurare il meccanismo di crash dumping del kernel Kdump durante l'installazione. In precedenza la configurazione veniva eseguita dopo l'installazione utilizzando firstboot, il quale non era accessibile senza una interfaccia grafica. Ora è possibile configurare Kdump come parte del processo d'installazione sui sistemi senza un ambiente grafico. La nuova schermata è disponibile dal menu principale dell'installer (Sommario installazione).
    La nuova schermata di Kdump

    Figura 3.1. La nuova schermata di Kdump

  • La schermata di partizionamento manuale è stata modificata in modo da migliorare l'esperienza dell'utente. Alcuni controlli sono stati spostati in altre posizioni.
    La nuova schermata per il Partizionamento manuale

    Figura 3.2. La nuova schermata per il Partizionamento manuale

  • È ora possibile configurare un bridge di rete nella schermata Rete & Hostname dell'installer. Per fare questo selezionare + nella parte bassa dell'elenco, selezionare Bridge dal menu e configurare il bridge nel dialogo Modifica connessione del bridge. Questo dialogo è reso disponibile tramite NetworkManager ed è completamente documentato nella Red Hat Enterprise Linux 7.1 Networking Guide.
    Sono state aggiunte nuove opzioni Kickstart per la configurazione del bridge. Consultare le informazioni di seguito riportate.
  • L'installer non utilizza più console multiple per la visualizzazione dei log, tutti i log sono disponibili in tmux tramite la console virtuale 1 (tty1). Per consultare i log durante l'installazione, premere Ctrl+Alt+F1 per selezionare tmux, e successivamente utilizzare Ctrl+b X per selezionare le finestre desiderate (sostituire X con il numero di una finestra desiderata come riportato nella parte bassa della schermata).
    Per selezionare l'interfaccia grafica premere Ctrl+Alt+F6.
  • L'interfaccia a linea di comando per Anaconda include ora le informazioni d'aiuto. Per visualizzarle usare anaconda -h su un sistema con il pacchetto anaconda installato. L'interfaccia a linea di comando permette all'utente di eseguire l'installer su un sistema installato, utile per le installazioni dell'immagine del disco.

Opzioni e comandi di kickstart

  • Il comando logvol presenta una nuova opzione: --profile=. Utilizzare questa opzione per specificare il nome del profilo di configurazione da usare con thin logical volume. Se usato, il nome verrà incluso nei metadati per il volume logico.
    Per impostazione predefinita i profili disponibili sono default e thin-performance, e vengono definiti nella directory /etc/lvm/profile. Consultare la pagina man lvm(8) per informazioni aggiuntive.
  • The behavior of the --size= and --percent= options of the logvol command has changed. Previously, the --percent= option was used together with --grow and --size= to specify how much a logical volume should expand after all statically-sized volumes have been created.
    Starting with Red Hat Enterprise Linux 7.1, --size= and --percent= can not be used on the same logvol command.
  • L'opzione --autoscreenshot del comando autostep è stato corretto, ora è in grado di salvare uno screenshot di ogni schermata nella directory /tmp/anaconda-screenshots. Dopo il completamente dell'installazione gli screenshot verranno spostati in /root/anaconda-screenshots.
  • Il comando liveimg ora supporta una installazione dai file tar e dalle immagini del disco. Il tar archive deve contenere il file system root del dispositivo d'installazione, e il nome del file deve terminare con .tar, .tbz, .tgz, .txz, .tar.bz2, .tar.gz o .tar.xz.
  • Sono state aggiunte diverse opzioni al comando network per la configurazione dei bridge di rete. Queste opzioni sono:
    • --bridgeslaves=: quando si utilizza questa opzione verrà creato un bridge di rete con il nome del dispositivo specificato con l'opzione --device=. I dispositivi definiti nell'opzione --bridgeslaves= verranno aggiunti al bridge. Per esempio:
      network --device=bridge0 --bridgeslaves=em1
    • --bridgeopts=: Un elenco opzionale di parametri separati da virgole per l'interfaccia del bridge. I valori possibili sono stp, priority, forward-delay, hello-time, max-age e ageing-time. Per informazioni sui parametri consultare le pagine man di nm-settings(5).
  • Il comando autopart ha una nuova opzione, --fstype. Questa opzione permette di modificare il tipo di file system predefinito (xfs) quando si utilizza il partizionamento automatico in un file Kickstart.
  • Several new features were added to Kickstart for better container support. These features include:
    • repo --install: Questa nuova opzione salva la configurazione del repository sul sistema installato all'interno della directory /etc/yum.repos.d/. Se questa opzione non viene utilizzata, il repository configurato in un file Kickstart risulterà disponibile solo durante il processo d'installazione e non sul sistema installato.
    • bootloader --disabled: Questa opzione impedirà l'installazione del boot loader.
    • %packages --nocore: Una nuova opzione per la sezione %packages di un file Kickstart la quale impedisce al sistema di installare il gruppo di pacchetti @core. Questa impostazione installa un sistema minimo per un utilizzo dei container.
    Please note that the described options are only useful when combined with containers, and using the options in a general-purpose installation could result in an unusable system.

Entropy Gathering for LUKS Encryption

  • If you choose to encrypt one or more partitions or logical volumes during the installation (either during an interactive installation or in a Kickstart file), Anaconda will attempt to gather 256 bits of entropy (random data) to ensure the encryption is secure. The installation will continue after 256 bits of entropy are gathered or after 10 minutes. The attempt to gather entropy happens at the beginning of the actual installation phase when encrypted partitions or volumes are being created. A dialog window will open in the graphical interface, showing progress and remaining time.
    The entropy gathering process can not be skipped or disabled. However, there are several ways to speed the process up:
    Gathering Entropy for Encryption

    Figura 3.3. Gathering Entropy for Encryption

Aiuto interno nell'installer grafico

In ogni schermata dell'interfaccia grafica dell'installer, e nell'utilità Initial Setup, è ora disponibile il pulsante Aiuto nell'angolo in alto sulla destra. La selezione di questo pulsate permetterà la visualizzazione della sezione relativa alla Installation Guide per la schermata corrente che utilizza il browser Yelp.
Anaconda built-in help

Figura 3.4. Anaconda built-in help