E.3. Installazione di GRUB

Se non è stato installato GRUB durante il processo di installazione, è possibile installarlo in seguito. Una volta installato, diventerà automaticamente il boot loader predefinito.
Prima di installare GRUB assicuratevi di usare l'ultimissimo pacchetto GRUB disponibile o il pacchetto GRUB del DVD di installazione. Per maggiori informazioni su come installare i pacchetti consultate il capitolo Gestione dei pacchetti con RPM nella Red Hat Enterprise Linux Deployment Guide.
Una volta installato il pacchetto relativo a GRUB, aprire un prompt della shell root ed eseguite il comando /sbin/grub-install <location>, dove <location> è la posizione in cui la Fase 1 del boot loader GRUB deve essere installata. Per esempio, il seguente comando installa GRUB sul MBR del dispositivo IDE master sul bus IDE primario:
/sbin/grub-install /dev/hda
Al successivo avvio del sistema verrà visualizzato il menu del boot loader grafico GRUB prima del caricamento del kernel nella memoria.

Importante

GRUB non è in grado di creare un RAID software. Per questo motivo la directory /boot deve risiedere su di una singola partizione specifica del disco. La directory /boot non può essere segmentata su dischi multipli come in un level 0 RAID. Per usare un level 0 RAID sul sistema posizionare /boot su di una partizione separata esternamente al RAID.
In modo simile, poichè la directory /boot deve risiedere su di una partizione specifica singola del disco, GRUB non sarà in grado di avviare il sistema se il disco che contiene la partizione fallisce o viene rimosso dal sistema. Ciò risulta vero anche se il disco viene copiato su di un level 1 RAID. Il seguente articolo di Red Hat Knowledgebase descrive come rendere il sistema avviabile da qualsiasi altro disco in un set copiato: http://kbase.redhat.com/faq/docs/DOC-7095
Da notare che queste problematiche vengono applicate solo su RAID implementato nel software, dove i dischi individuali che costituiscono l'array sono ancora visibili come dischi individuali sul sistema. Queste problematiche non riguardano il RAID hardware dove i dischi multipli sono presentati come dispositivi singoli.