C.3. Creazione di dispositivi a blocchi criptati in anaconda

È possibile creare dispositivi cifrati durante l'installazione del sistema. Ciò consente di configurare in maniera semplice un sistema con partizioni cifrate.
Per abilitare la cifratura del dispositivo a blocchi selezionare la casella di "Cifra il sistema" quando si seleziona il partizionamento automatico, oppure la casella "Cifra" durante la creazione di una singola partizione, array RAID software o volume logico. Dopo aver terminato il partizionamento, verrà richiesta una frase d'accesso per la crittografia. Questa frase d'accesso verrà richiesta per accedere ai dispositivi cifrati. Se sono già presenti dispositivi cifrati LUKS e sono state precedentemente fornite le corrette frasi d'accesso per questi dispositivi la voce chiave d'accesso conterrà inoltre una casella di controllo. Selezionando questa casella si indica il desiderio che la nuova frase venga aggiunta in uno slot disponibile in ognuno dei dispositivi a blocchi preesistenti.

Nota

Selezionando la casella "Cifra il sistema" nella schermata "Partizionamento automatico" e quindi selezionando "Crea layout personalizzato" non causerà la cifratura automatica di tutti i dispositivi a blocchi.

Nota

È possibile usare kickstart per impostare differenti frasi d'accesso per ogni dispositivo a blocchi cifrato.

C.3.1. Quali tipi di dispositivi a blocchi possono essere cifrati?

Molti tipi di dispositivi a blocchi possono essere cifrati usando LUKS. Da anaconda è possibile cifrare partizioni, volumi fisici LVM, volumi logici LVM e array RAID software.