Capitolo 2. Configurazione del fencing con il comando ccs

Con Red Hat Enterprise Linux 6.1 e versioni più recenti, Red Hat High Availability Add-On fornisce un supporto per ccs. ccs permette a un amministratore di creare, modificare e visualizzare il file di configurazione del cluster, cluster.conf. Usare il comando ccs per configurare un file di configurazione del cluster su un file system locale o su un nodo remoto. Utilizzando il comando ccs un amministratore sarà in grado di avviare e arrestare i servizi di un cluster, su uno o tutti i nodi in un cluster configurato.
Questo capitolo descrive come configurare il file di configurazione del cluster di Red Hat High Availability Add-On usando il comando ccs.
Questo capitolo consiste nelle seguenti sezioni:

Nota

Assicuratevi che l'implementazione High Availability Add-On usata sia supportata e soddisfi i requisiti necessari. Consultate un rappresentante di Red Hat per verificare la configurazione prima di implementarla. Considerate altresì un periodo di prova per le varie modalità d'errore.

Nota

Questo capitolo fa riferimento ad attributi ed elementi cluster.conf comunemente usati. Per un elenco completo e una descrizione degli elementi e attributi di cluster.conf, consultate lo schema disponibile su /usr/share/cluster/cluster.rng, /usr/share/doc/cman-X.Y.ZZ/cluster_conf.html (per esempio /usr/share/doc/cman-3.0.12/cluster_conf.html).

2.1. Configurazione dei dispositivi di fencing

La configurazione dei dispositivi di fencing consiste nella creazione, aggiornamento e cancellazione dei dispositivi di fencing per il cluster. Sarà necessario creare e conferire un nome ai dispositivi di fencing prima di poter configurare il fencing dei nodi. Per informazioni su come configurare il processo di fencing dei nodi consultare Sezione 2.3, «Configurazione del processo di fencing per i membri del cluster».
Prima di configurare i dispositivi di fencing modificate alcune delle proprietà del demone del sistema rispetto ai valori predefiniti. I valori da configurare per il demone di fencing sono valori generali per il cluster. Le proprietà generali per il fencing sono di seguito riportate:
  • post_fail_delay rappresenta il periodo di attesa del demone di fencing, espresso in secondi, (fenced) prima di scollegare un nodo (un membro del dominio del fencing) dopo il suo fallimento. Il valore predefinito di post_fail_delay è 0 ma può essere modificato per soddisfare i requisiti di prestazione della rete e del cluster.
  • Il parametro post-join_delay rappresenta il periodo d'attesa in secondi del demone di fencing (fenced) prima di scollegare un nodo dopo che lo stesso si è unito al demone. Il valore predefinito di post_join_delay è 6. Una impostazione tipica per post_join_delay va dai 20 ai 30 secondi, ma può essere modificato per soddisfare le prestazioni di rete e del cluster.
I valori di post_fail_delay e post_join_delay vengono resettati con l'opzione --setfencedaemon del comando ccs. Da notare che l'esecuzione del comando ccs --setfencedaemon sovrascriverà tutte le proprietà esistenti del demone di fencing.
Per esempio, per configurare un valore di post_fail_delay eseguire il seguente comando. Questo comando sovrascriverà i valori di tutte le altre proprietà del demone di fencing esistenti impostate con questo comando.
ccs -h host --setfencedaemon post_fail_delay=value
Per configurare un valore di post_join_delay eseguire il seguente comando. Questo comando sovrascriverà i valori di tutte le altre proprietà del demone di fencing esistenti impostate con questo comando.
ccs -h host --setfencedaemon post_join_delay=value
Per configurare un valore sia per post_join_delay che per post_fail_delay eseguire il seguente comando:
ccs -h host --setfencedaemon post_fail_delay=value post_join_delay=value

Nota

Per maggiori informazioni sugli attributi post_join_delay e post_fail_delay e sulle proprietà aggiuntive del demone di fencing modificabili, consultare la pagina man fenced(8) e gli schemi presenti su /usr/share/cluster/cluster.rng e /usr/share/doc/cman-X.Y.ZZ/cluster_conf.html.
Per configurare un dispositivo di fencing per un cluster eseguire il seguente comando:
ccs -h host --addfencedev
devicename
[fencedeviceoptions]
Per esempio, per configurare un dispositivo di fencing apc nel file di configurazione su un nodo node1 chiamato myfence con un indirizzo IP apc_ip_example, login login_example, ed una password password_example eseguire il seguente comando:
ccs -h node1 --addfencedev myfence agent=fence_apc ipaddr=apc_ip_example login=login_example passwd=password_example
Il seguente esempio mostra la sezione fencedevices del file di configurazione cluster.conf dopo l'aggiunta del dispositivo di fencing APC:

<fencedevices>
      <fencedevice agent="fence_apc" ipaddr="apc_ip_example" login="login_example" name="myfence" passwd="password_example"/>
</fencedevices>
Durante la configurazione dei dispositivi di fencing per un cluster potrebbe essere utile consultare l'elenco dei dispositivi disponibili, le opzioni presenti per ogni dispositivo e l'elenco di dispositivi di fencing configurati correttamente per il cluster. Per informazioni aggiuntive su come utilizzare il comando ccs per stampare un elenco di dispositivi di fencing disponibili, opzioni o un elenco di dispositivi configurati correttamente consultare Sezione 2.2, «Elenco dei dispositivi di fencing ed opzioni».
Per rimuovere un dispositivo di fencing dalla configurazione del cluster eseguire il seguente comando:
ccs -h host --rmfencedev fence_device_name
Per rimuovere un dispositivo di fencing chiamato myfence del file di configurazione del cluster sul nodo node1 eseguire:
ccs -h node1 --rmfencedev myfence
Se desiderate modificare gli attributi di un dispositivo di fencing precedentemente configurato, rimuovere prima il dispositivo di fencing interessato ed aggiungerlo nuovamente con gli attributi modificati.
Dopo aver terminato la configurazione di tutti i componenti del cluster sarà necessario sincronizzare il file di configurazione con tutti i nodi.