Red Hat Training

A Red Hat training course is available for Red Hat Enterprise Linux

8.3.2. Gestione dei servizi HA con clusvcadm

È possibile gestire i servizi HA usando il comando clusvcadm. Con esso sarà possibile eseguire le seguenti operazioni:
  • Abilitare ed avviare un servizio.
  • Disabilitare un servizio.
  • Arrestare un servizio.
  • Eseguire il freeze di un servizio
  • Eseguire l'unfreeze di un servizio
  • Migrare un servizio (solo per i servizi della macchina virtuale)
  • Riposizionare un servizio.
  • Riavviare un servizio.
Tabella 8.2, «Funzioni del servizio» descrive le operazioni in modo dettagliato. Per una descrizione completa su come eseguire le suddette operazioni consultare la pagina man dell'utilità clusvcadm.

Tabella 8.2. Funzioni del servizio

Funzione del servizio Descrizione Sintassi del comando
Enable Avvia il servizio facoltativamente su di una destinazione preferita e in base alle regole del dominio di failover. In loro assenza l'host locale sul quale viene eseguito clusvcadm avvierà il servizio. Se il processo d'avvio fallisce il servizio si comporta come se fosse stata richiesta una operazione di riposizionamento (consultare Riposiziona in questa tabella). Se l'operazione ha successo il servizio avrà uno stato started (avviato). clusvcadm -e <service_name> o clusvcadm -e <service_name> -m <member> (Con l'uso dell'opzione -m verrà specificato il membro di destinazione preferito sul quale avviare il servizio.)
Disable Arresta il servizio e lo posiziona in uno stato disabled (disabilitato). Questa è l'unica operazione permessa quando un servizio è in uno stato failed. clusvcadm -d <service_name>
Relocate Sposta il servizio su un altro nodo. Facoltativamente sarà possibile specificare un nodo preferito per ricevere il servizio, ma l'impossibilità di eseguire il servizio sull'host (per esempio, se il servizio non viene avviato o se l'host è offline) non impedisce il riposizionamento e per questo motivo verrà scelto un nodo diverso. rgmanager cerca di avviare il servizio su ogni nodo disponibile sul cluster. Se nessun nodo di destinazione presente nel cluster avvia con successo il servizio, il riposizionamento fallisce e si eseguirà un tentativo di riavvio del servizio sul proprietario originario. Se il suddetto proprietario non è in grado di riavviare il servizio il servizio stesso avrà lo stato di stopped (arrestato). clusvcadm -r <service_name> o clusvcadm -r <service_name> -m <member> (Con l'uso dell'opzione -m verrà specificato il membro di destinazione preferito sul quale avviare il servizio.)
Stop Arresta il servizio e lo posiziona in uno stato stopped. clusvcadm -s <service_name>
Freeze Esegue il freeze del servizio sul nodo sul quale è in esecuzione. Tale operazione impedisce i controlli dello stato del servizio ed il failover in presenza di un nodo fallito o di un arresto di rgmanager. Può essere usato per sospendere un servizio e permettere la gestione delle risorse sottostanti. Consultate sezione chiamata «Considerazioni sull'uso delle operazioni Freeze ed Unfreeze» per informazioni rilevanti sull'uso delle operazioni di freeze e unfreeze. clusvcadm -Z <service_name>
Unfreeze L'operazione di Unfreeze rimuove il servizio da uno stato freeze. Questa operazione abilita nuovamente i controlli dello stato. Consultare sezione chiamata «Considerazioni sull'uso delle operazioni Freeze ed Unfreeze» per informazioni rilevanti sull'uso delle operazioni freeze e unfreeze. clusvcadm -U <service_name>
Migrate Esegue la migrazione della macchina virtuale su un altro nodo. Specificare un nodo di destinazione. In base all'errore, il fallimento del processo di migrazione potrebbe causare uno stato failed della macchina virtuale o in uno stato started sul proprietario originario. clusvcadm -M <service_name> -m <member>

Importante

Per una migrazione sarà necessario specificare un nodo di destinazione usando l'opzione -m <member>.
Restart Riavvia un servizio sul nodo dove risulta essere in esecuzione. clusvcadm -R <service_name>

Considerazioni sull'uso delle operazioni Freeze ed Unfreeze

Usando l'operazione freeze sarà possibile gestire parte dei servizi rgmanager. Per esempio se siete in possesso di un detebase ed un web server in un servizio rgmanager, sarà possibile eseguire il freeze del servizio rgmanager, arrestare il database, eseguire il mantenimento, riavviare il database ed eseguire l'operazione di unfreeze del servizio.
Quando si esegue il freeze di un servizio, esso si comporterà nel seguente modo:
  • I controlli sullo Stato sono disabilitati.
  • Le operazioni d'avvio sono disabilitate.
  • Le operazioni d'arresto sono disabilitate.
  • Il failover non verrà eseguito (anche se disabiliterete il proprietario del servizio).

Importante

Se non si rispettano le suddette linee guida le risorse potrebbero essere assegnate su host multipli:
  • Se si esegue il freeze del servizio non arrestare tutte le istanze di rgmanager a meno che non pianificate di riavviare gli host prima di riavviare rgmanager.
  • Non eseguite l'operazione di unfreeze di un servizio fino a quando il proprietario del servizio non si unisce nuovamente al cluster e riavvia rgmanager.