5.4. Creazione di un cluster

Questa sezione descrive come creare, modificare e cancellare la struttura della configurazione del cluster usando il comando ccs senza fencing, domini di failover e servizi HA. Le sezioni seguenti descrivono come configurare le parti interessate della configurazione.
Per creare la struttura del file di configurazione del cluster creare e conferire un nome al cluster e successivamente aggiungere i nodi al suo interno come mostrato nella procedura riportata:
  1. Creare un file di configurazione del cluster su uno dei nodi eseguendo il comando ccs usando il parametro -h per specificare il nodo sul quale creare il file e l'opzione createcluster per specificare un nome.
    ccs -h host --createcluster clustername
    Per esempio il seguente comando crea un file di configurazione su node-01.example.com chiamato mycluster:
    ccs -h node-01.example.com --createcluster mycluster
    
    Il nome del cluster non può superare i 15 caratteri.
    Se un file cluster.conf esiste già sull'host specificato l'esecuzione di questo comando sostituirà il file esistente.
    Se desiderate creare un file di configurazione del cluster su un sistema locale sarà possibile specificare l'opzione -f al posto dell'opzione -h. Per informazioni su come creare il file localmente consultare Sezione 5.1.1, «Creazione del file di configurazione del cluster su di un sistema locale».
  2. Per configurare i nodi contenuti dal cluster eseguire il seguente comando per ogni nodo nel cluster:
    ccs -h host --addnode node
    Per esempio i seguenti comandi aggiungono i nodi node-01.example.com, node-02.example.com, e node-03.example.com al file di configurazione su node-01.example.com:
    ccs -h node-01.example.com --addnode node-01.example.com
    ccs -h node-01.example.com --addnode node-02.example.com
    ccs -h node-01.example.com --addnode node-03.example.com
    
    Per visualizzare un elenco di nodi configurati per un cluster eseguire il seguente comando;
    ccs -h host --lsnodes
    
    Esempio 5.1, «File cluster.conf dopo aver aggiunto tre nodi» mostra un file di configurazione cluster.conf dopo aver creato un cluster mycluster il quale contiene i nodi node-01.example.com node-02.example.com e node-03.example.com.

    Esempio 5.1. File cluster.conf dopo aver aggiunto tre nodi

    
    <cluster name="mycluster" config_version="2">
       <clusternodes>
         <clusternode name="node-01.example.com" nodeid="1">
             <fence>
             </fence>
         </clusternode>
         <clusternode name="node-02.example.com" nodeid="2">
             <fence>
             </fence>
         </clusternode>
         <clusternode name="node-03.example.com" nodeid="3">
             <fence>
             </fence>
         </clusternode>
       </clusternodes>
       <fencedevices>
       </fencedevices>
       <rm>
       </rm>
    </cluster>
    
    
    Quando aggiungete un nodo al cluster sarà possibile specificare il numero di voti conferiti dal nodo per determinare la presenza di un quorum. Per impostare il numero di voti per un nodo del cluster usare il seguente comando:
    ccs -h host --addnode host --votes votes
    Quando aggiungete un nodo ccs assegnerà al nodo stesso un valore intero unico usato come identificatore del nodo. Se desiderate specificare l'identificatore manualmente usate il seguente comando:
    ccs -h host --addnode host --nodeid nodeid
    Per rimuovere un nodo dal cluster eseguite il seguente comando:
    ccs -h host --rmnode node
Una volta terminata la configurazione di tutti i componenti del cluster sarà necessario eseguire la sincronizzazione del file di configurazione del cluster su tutti i nodi come riportato in Sezione 5.15, «Propagazione del file di configurazione ai nodi del cluster».