2.3.3. Volumi logici speculari

Un mirror mantiene copie identiche di dati su dispositivi diversi. Quando i dati vengono scritti su di un dispositivo, essi vengono scritti anche su di un secondo dispositivo rendendoli così speculari. Tale procedura garantisce una certa protezione nei confronti di un eventuale errore. Quando una gamba del mirror fallisce, il volume logico diventa volume lineare e resta così accessibile.
LVM supporta i volumi speculari. Quando create un volume logico speculare, LVM assicura che i dati scritti su di un Physical Volume vengono copiati su di un physical volume separato. Con LVM è possibile creare logical volume speculari con mirror multipli.
Un mirror LVM divide il dispositivo copiato in regioni con una misura tipica di 512KB. LVM mantiene un log piccolo il quale viene usato per mantenere un controllo sulle regioni in sincronizzazione con i mirror. Il suddetto log può essere conservato sul disco e mantenuto costante attraverso i diversi processi di riavvio, oppure può essere conservato all'interno della memoria.
Figura 2.6, «Mirrored Logical Volume» shows a mirrored logical volume with one mirror. In this configuration, the log is maintained on disk.
Mirrored Logical Volume

Figura 2.6. Mirrored Logical Volume

Nota

Con la versione RHEL 5.3 i volumi logici speculari sono supportati in un cluster.
For information on creating and modifying mirrors, see Sezione 4.4.1.3, «Creazione volumi speculari».