Appendice B. File di configurazione di LVM

LVM supporta i file di configurazione multipli. All'avvio del sistema il file di configurazione lvm.conf viene caricato dalla directory specificata per mezzo della variabile dell'ambiente LVM_SYSTEM_DIR, la quale è impostata per default su /etc/lvm.
Il file lvm.conf è in grado di specificare i file aggiuntivi di configurazione da caricare. Le impostazioni dei file più recenti sovrascrivono le impostazioni dei file meno recenti. Per visualizzare le impostazioni in uso dopo aver caricato tutti i file di configurazione, eseguite il comando lvm dumpconfig.
For information on loading additional configuration files, see Sezione C.2, «Tag dell'host».

B.1. File di configurazione di LVM

I seguenti file vengono usati per la configurazione di LVM:
/etc/lvm/lvm.conf
file di configurazione centrale letto dai tool.
etc/lvm/lvm_hosttag.conf
For each host tag, an extra configuration file is read if it exists: lvm_hosttag.conf. If that file defines new tags, then further configuration files will be appended to the list of tiles to read in. For information on host tags, see Sezione C.2, «Tag dell'host».
In aggiunta ai file di configurazione di LVM, il sistema che esegue LVM include i seguenti file i quali interessano l'impostazione del sistema LVM:
/etc/lvm/.cache
file di cache del filtro del nome del dispositivo (configurabile).
/etc/lvm/backup/
directory per backup automatici dei metadata del gruppo di volumi (configurabili).
/etc/lvm/archive/
directory per archivi automatici di metadata per il gruppo di volumi (configurabile in relazione al percorso della directory ed alla cronologia).
/var/lock/lvm
In una configurazione host singolo eseguite il lock dei file per prevenire la corruzione dei metadata da parte del parallel tool; in un cluster viene usato il cluster-wide DLM.